Ana Vicent - Gravidanze

Le pance gravide mi telefonano esultanti
La vita cresce in loro ed io ricordo

Il dolore, la menzogna, la paura
Ricordo la pusillanimità

Le pance gravide sono tante sempre di più
Ed io mi sento strana, rara, infida
Il perdono e l’abbraccio
La compassione e la speranza di una rivincita

Le pance gravide di futuri medici
Giornalisti, idraulici, tedeschi, biondi,
essere buoni, religiosi, agnostici, stranieri
sposati con cattive compagnie
le pance gravice non sono la mia
la mia pancia è sazia d’intuizioni non seguite
di previsioni azzeccate, di ansie e rimorsi
di fitte che riportano a vecchie illusioni

la mia pancia è vuota, triste, piatta
è gonfia, sola, arrabbiata
pancia che brontola, e non si accontenta
dovrei andare da un dottore
di Ana Vicent Salvatore Colajanni
in Video Poesia

Altre opere simili

È domenica

Continua a leggere →

Esbozos de mì

Continua a leggere →

Schizzi di Me

Continua a leggere →

Ragazze Felici

Ana condivide con Lartedaparte una poesia, accompagnata da Salvatore Colajanni

Continua a leggere →

Ana Vicent - La Motoretta

Continua a leggere →

Categorie

Artisti in vetrina

Flavio Pirini

Flavio Pirini

Artista eclettico dal tratto ironico, che vede nella canzone un'intensa possibilità di narrazione

vai all'artista →
Pier Bonifacio

Pier Bonifacio

Pittore emozionale, dove la sensuale ricerca sui colori si amalgama alla precisione del tratto

vai all'artista →