Nicoletta Bernardi
 

Pier Bonifacio

Pier Bonifacio è nato a Genova. Si è laureato in pittura all’Accademia Ligustica di Belle Arti. Ha vissuto a Londra, Istanbul e Milano. Ha lavorato in teatro come scenografo e successivamente ha scritto e diretto dei documentari indipendenti. La sua è una pittura emozionale, molto contemporanea, dove la sensuale ricerca sui colori si amalgama alla precisione elettronica del tratto. In alcuni dei suoi quadri ritrae nudi con un punto di vista prospettico esasperato, anatomicamente corretti ma taluni al limite della riconoscibilità. Gli sfondi monocromatici sono risolti per mezzo di una stesura di colori acrilici e ad olio che tendono a staccare il soggetto, scontornandolo, veicolando l’attenzione totalmente al corpo nella sua esplicita nudità; certi sono tronchi, altri sembrano galleggiare in uno spazio privato di ogni punto di riferimento temporale, annientando l’importanza stessa di un ipotetico ambiente, di un contesto e di una storia al quale il corpo in questione possa appartenere.

Opere artistiche

Intervista a Pier Bonifacio

Pier Bonifacio, un amico di Lartedaparte si racconta e ci racconta la sua arte, il suo percorso particolare.

Continua a leggere →

Pier Bonifacio, le più importanti opere dal 2009 ad oggi

I dipinti di Pier Bonifacio trasmettono vibranti situazioni, attimi, emozioni. Con forza, il linguaggio trasuda di un’atmosfera, ferma un istante di luce in tele dalla luminosità evanescente e dall’intensa carica cromatica

Continua a leggere →

Pier Bonifacio - Le nuove opere di gennaio 2016

Continua a leggere →

Categorie

Artisti in vetrina

Flavio Pirini

Flavio Pirini

Artista eclettico dal tratto ironico, che vede nella canzone un'intensa possibilità di narrazione

vai all'artista →
Pier Bonifacio

Pier Bonifacio

Pittore emozionale, dove la sensuale ricerca sui colori si amalgama alla precisione del tratto

vai all'artista →
Luigi Profeta

Luigi Profeta

Nelle opere di Profeta i ricordi prendono vita: vecchi muri, vecchie porte, antichi racconti, diventano il presente

vai all'artista →